Pallanuoto, sabato perfetto per le romane

È stato un sabato di pallanuoto perfetto per le cinque romane seguite da L’Occhio Sportivo. La Roma Nuoto torna alla vittoria contro il Catania, la Lazio continua a stupire e sbanca anche Quinto. In serie A2, il Latina Pallanuoto riprende la sua marcia polverizzando l’Acquachiara. Più strette, ma ugualmente fondamentali, anche le vittorie di Roma Vis Nova e Roma 2007 Arvalia. Tre punti per tutti.

Una favola chiamata Lazio

Ogni anno sembra sempre che sia l’ultimo, quello in cui la Lazio Nuoto proprio “non ce la può fare”. E, invece, ogni anno arriva puntualmente il momento in cui i biancocelesti stupiscono tutti e fanno parlare la vasca. Per carità, il campionato non è finito e la Lazio non è salva. Siamo appena all’inizio del girone di ritorno, ma vale la pena spendere qualche riga per sottolineare la forza di questo gruppo. Il valore di questi uomini, prima che giocatori.

Partiamo dall’estate scorsa. Le aquile perdono pedine importanti: Di Rocco, Gianni e Tulli vanno a Latina. Un’altra rivoluzione: rientrano alla base Ferrante e Narciso, Antonucci viene convinto a sposare la causa. Capitan Colosimo e coach Sebastianutti si spendono in compiti non loro. Ma da salvaguardare c’è la storia centenaria di una società. Il momento è delicato e lo percepiscono anche i giocatori, che si compattano ancora di più. Pronti a una nuova sfida.

Poi l’infortunio a Narciso, i problemi di Leporale. La Lazio comincia l’anno qualificandosi in Coppa Italia, ma senza centroboa. L’inizio in campionato è complicato. Chi avrebbe scommesso un euro sui 22 punti dei biancocelesti alla quindicesima giornata? Nessuno, forse neanche loro stessi. E invece 8-11 in casa del Quinto, altra impresa dopo la vittoria al Foro contro l’Ortigia. Sabato arriva a Roma il Bogliasco: un’occasione da non perdere per allungare la striscia positiva.

Ruggito Roma Nuoto

Bentornata vittoria. Dopo sette turni di digiuno, la Roma Nuoto torna a sorridere e al Foro sbrana 15-9 il Nuoto Catania. Tanti i gol, in una partita divertente, dove i ragazzi di Roberto Gatto hanno dimostrato con forte determinazione di volere i 3 punti. Soprattutto durante il secondo tempo, quando i padroni di casa infliggono un parziale di 6-0 agli etnei, che avevano raggiunto il 5-5. 11-5 e partita in ghiaccio, gestita poi grazie agli uomini più esperti.

Sugli scudi i centroboa Lapenna e Spione, che mettono a referto una tripletta a testa. Ma oltre le prestazioni dei singoli, era fondamentale per la Roma ritrovare una vittoria che mancava da troppo tempo. Torna a muoversi la classifica, si allontanano i fantasmi e si può lavorare in settimana con più tranquillità. Certo, sabato a Recco sarà difficile dare continuità. Ma sarà un buon allenamento per lo scontro diretto di sabato 9 febbraio contro il Trieste tra le mura amiche del Foro Italico.

Solo vittorie per le romane in A2

Dopo un turno di stop, torna a vincere la capolista Latina Pallanuoto, che schianta in casa l’Acquachiara 15-6. Partita chiusa già dopo due tempi, quando il tabellone segna 9-0, con gli ospiti che riescono ad andare in gol solo dopo 17 minuti effettivi di gioco. Impressionante la prova di forza dei pontini, che però dovranno dimostrare tanto nella prossima difficile trasferta in casa del Telimar Palermo. Top scorer Goreta con 4 gol.

Torna alla vittoria dopo la brutta sconfitta a Crotone anche la Roma 2007 Arvalia, che batte 10-8 in casa i Muri Antichi Catania. Match in sostanziale equilibrio, indirizzato con due strappi dei romani grazie ai gol di Fiorillo, Mele e Vittorioso. La squadra di Ciocchetti gioca una buona pallanuoto e si prepara ad affrontare la R.N. Salerno nel suo temibile campo gara da terza in classifica.

La Roma Vis Nova dà continuità alla vittoria contro l’Arechi Salerno e a Monterotondo doma 4-2 il Pescara. Troppi gli errori da una parte e dall’altra con l’extraplayer. La vasca di casa si conferma un vero fortino per i ragazzi di Calcaterra, che hanno fatto punti solo tra le mura amiche. Un trend da invertire già sabato a Crotone, in una partita che ci dirà tanto sullo spessore caratteriale dei Leoni e sulle loro reali ambizioni.

Andrea Esposito

Nato a Roma il 6 marzo 1994, si interessa di sport da quando è bambino. Dopo il diploma di liceo scientifico, nel luglio del 2017 consegue la laurea con 110 e lode alla facoltà di Scienze della Comunicazione a Roma Tre. Tutt'ora è studente di Informazione, Editoria e Giornalismo presso l'ateneo di Roma Tre. Il percorso di studi non ha intralciato la sua carriera agonistica: gioca a pallanuoto dal 2004 e, dopo aver militato nei maggiori campionati italiani, è oggi giocatore semiprofessionista e addetto stampa ufficiale della R.N. Frosinone e allenatore delle giovanili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *