Pallanuoto, la situazione di Roma e Lazio in serie A1

Dopo l’importante vittoria a Palermo per 12-7, per la Roma Nuoto sono arrivate due sconfitte consecutive nell’arco di quattro giorni. Prima l’Ortigia passa 9-6 al Foro Italico, poi il Savona si impone 14-12 a casa propria: non proprio due clienti comodi per cercare di far punti. Va di poco meglio alla Lazio Nuoto, che perde con i super campioni della Pro Recco, ma raccoglie un punto in casa proprio contro il Savona. Che, come vedremo, sa più di due punti persi che di uno guadagnato.

 

Roma Nuoto, buone prestazioni ma niente punti

Doppia sconfitta per la Roma Nuoto nelle ultime due ravvicinate partite. Con l’impegno del Settebello in World League contro la Grecia, tutto il turno di sabato 9 novembre è stato anticipato a mercoledì 6. La nostra serie A1 ha dovuto, quindi, fare gli straordinari e scendere in acqua due volte nel giro di quattro giorni. I giallorossi si sono trovati di fronte due impegni piuttosto complicati, nei quali però hanno risposto comunque presente.

Al Foro Italico l’Ortigia si è presentata da capolista, a punteggio pieno, pari merito con la Pro Recco. Eppure i ragazzi di coach Roberto Gatto hanno giocato la loro partita. Anzi, a metà terzo tempo, avanti 5-3 con tante occasioni sprecate, hanno sognato anche di vincerla. Poi il ribaltone: 6-9 e 3 punti ai siciliani. A Savona, invece, la Roma è stata costretta a inseguire i padroni di casa per tutto l’arco della gara, senza riuscire mai a riprenderli nel punteggio fino al 14-12 finale.

A nulla è servita la giornata di grazia di Stev Camilleri, 8 gol per lui. Rimane un po’ di amaro in bocca per i tanti errori individuali, soprattutto nella fase difensiva, che hanno condizionato e non poco il risultato finale, come dichiarato dall’allenatore giallorosso ai canali ufficiali della società. Ora la pausa per le nazionali e dieci giorni di tempo per preparare un’altra ostica trasferta, stavolta in casa della R.N. Florentia. Ma decisamente più alla portata delle due partite precedenti.

 

Lazio Nuoto, un punto che muove la classifica

Ha sfiorato l’impresa, invece, la Lazio Nuoto, proprio contro la R.N. Savona al Foro Italico. Se la partita del ritorno di Cannella da avversario era finita senza storia a vantaggio del Brescia, stavolta i biancocelesti sfoderano una grande prestazione e mettono in crisi la squadra di Angelini. Percentuale realizzativa monstre in superiorità numerica (più del 63%, ndr), Leporale, Narciso e Elphick in giornata di grazia: tutti gli indizi portano a una vittoria. Ma il Savona non è dello stesso avviso.

Le aquile di capitan Colosimo iniziano il quarto e ultimo tempo avanti 11-7, con i liguri in grande confusione. Ma lo spessore dei campioni si vede nei momenti di difficoltà: Vuksovic e Rizzo suonano la carica e guidano gli ospiti a una clamorosa rimonta. Al Foro finisce 13-13, la Lazio muove la classifica ma butta via un’occasione ghiottissima per conquistare 3 punti.

La partita di mercoledì a Recco, ovviamente, non ha storia. Troppo più forti i campioni di Rudic: il finale dice 20-2 per i padroni di casa. Anche la Lazio Nuoto dovrà sfruttare la pausa per tirarsi a lucido e presentarsi al meglio sabato 16 novembre alla sfida contro il Posillipo. Al Foro Italico saranno sul piatto importantissimi punti salvezza: è vietato sbagliare.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *