Playoff Eurolega 2019: CSKA Mosca – Baskonia e Real Madrid – Panathinaikos

Dopo aver osservato da vicino i primi due quarti dei playoff di Eurolega la scorsa settimana, oggi andremo ad analizzare le rimanenti due sfide che ci propone la massima competizione europea per club. CSKA Mosca – Baskonia e Real Madrid – Panathinaikos sono le altre due serie (gara 1 il 16/17 aprile) che ci daranno il quadro completo per le Final Four, che si disputeranno dal 17 al 19 maggio a Vitoria.

CSKA Mosca (2) – Baskonia (7)

Record: CSKA Mosca 24-6, Baskonia 15-15.

Il CSKA è sicuramente una delle corazzate di questa Eurolega, come lo è d’altronde da molti anni a questa parte; basti pensare che la squadra del presidente Andrey Vatutin ha collezionato, negli ultimi 16 anni, ben 15 Final Four, vincendo il trofeo però “solamente” 3 volte. E’ proprio questo il fardello in casa moscovita che pesa come un macigno. E’ molto probabile infatti che il coach della squadra russa, Itoudis, debba salutare a fine stagione se non si riuscirà a vincere l’Eurolega.

Se da una parte il CSKA è fortemente motivato a vincere il trofeo, dall’altra troviamo sicuramente una squadra, il Baskonia, che sa di giocarsi le ultime chance per avere la possibilità di affrontare le Final Four tra le mura amiche. La squadra di coach Perasovic arriva alla sfida con un record di 15 vittorie e altrettante sconfitte. Un andamento che è sempre stato altalenante, ma che è bastato alla squadra basca per qualificarsi ai playoff, anche grazie agli scontri diretti favorevoli con le dirette concorrenti.

I precedenti tra le due squadre in questa stagione regolare vedono una perfetta parità. All’andata in Spagna il Baskonia si è imposto per 76 a 73, mentre al ritorno in Russia, nell’ultima partita di regular season, i russi hanno avuto la meglio vincendo l’incontro per 82 a 78.

Le squadre

Entrambi i roster mostrano un’ottima fisicità, ma con un tasso tecnico differente. Infatti il CSKA può contare su un pacchetto guardie di altissimo livello grazie ai vari De Colo, Rodriguez e Higgins. Più equilibrato può sembrare lo scontro sotto le plance, dove Kyle Hines e Othello Hunter avranno vita difficile contro Shengelia e Poirier. Interessante potrebbe essere anche lo scontro tra due vecchie conoscenze del basket italiano come Daniel Hackett e Shavon Shields. Il play/guardia italiano è risultato decisivo in molte partite di regular season, mentre l’ala ex Trento è uno degli uomini chiave della squadra di Perasovic.

Giocatori chiave

PUNTI

Cory Higgins

Tornike Shengelia

Il giocatore più pericoloso di questo CSKA in fase realizzativa è sicuramente Cory Higgins, grazie ai suoi 14.9 punti di media a partita. Anche se per infortunio ha dovuto saltare praticamente metà stagione, Shengelia rimane il giocatore a cui il CSKA dovrà fare più attenzione. Sono 12.3 i punti di media per il georgiano.

RIMBALZI

Will Clyburn

Vincent Poirier

In questa statistica come migliore rimbalzista non troviamo il solito centro, ma bensì Will Clyburn, che grazie al suo importante atletismo cattura ben 7.1 carambole a partita. Oltre ad essere il secondo miglior realizzatore di squadra, è soprattutto il giocatore che cattura più rimbalzi (8.1 a partita), sfruttando al meglio i suoi 213 cm di altezza.

ASSIST

Sergio Rodriguez

Marcelinho Huertas

Sergio Rodriguez è il giocatore che fornisce più assist ai compagni (4.8). La sua leadership e la sua visione di gioco saranno fondamentali per il cammino del CSKA verso le Final Four. Marcelinho Huertas è il miglior assistman della squadra, grazie ad una media di 4.7. Può essere il giocatore che, attraverso la sua imprevedibilità, può ribaltare le sorti della serie.

Statistiche a confronto

Si trovano di fronte il secondo miglior attacco di questa Eurolega, quello del CSKA con 86.8 punti di media, contro il sesto attacco del Baskonia (81.9 punti). Molto simili le statistiche sui rimbalzi, che vedono leggermente meglio la squadra basca (35.8) rispetto ai russi (34.8). Anche negli assist il Baskonia ha di poco la meglio (18.5) sul CSKA (17.5). Gli spagnoli hanno inoltre una percentuale migliore nel tiro da 2 punti (54% contro il 53% dei russi). I moscoviti però possono vantare una maggiore efficacia nel tiro da 3 punti (40% contro il 36% dei baschi).

Pronostico

CSKA Mosca 3-1 Baskonia

Il CSKA, come detto in precedenza, è una delle maggiori candidate ad alzare il trofeo a fine stagione. Maggiore tecnica e atletismo, senza tralasciare una maggiore esperienza in vari uomini chiave della squadra. Sicuramente l’ago della bilancia pende tutto a favore dei russi, però non bisogna sottovalutare la grande voglia e determinazione del Baskonia di giocare le Final Four in casa alla Fernando Buesa Arena. Questa potrebbe essere la grande variante della serie che si appresta ad essere comunque molto avvincente.

 

Real Madrid (3) – Panathinaikos (6)

Record: Real Madrid 22-8, Panathinaikos 16-14.

Nell’anno più triste della storia del Panathinaikos, con la prematura scomparsa in pochi mesi di Pavlos e Tanassis Giannakopoulos, il sole torna improvvisamente a splendere nei dintorni di Kifissia. Nel giro di un mese e mezzo infatti, sette vittorie nelle ultime otto partite della regular season di Eurolega, riconfermano il “trifoglio” nel gotha del basket europeo, cosa che avviene ininterrottamente dall’edizione 2009/10. Ultimo ostacolo verso i sogni di gloria del settimo trionfo continentale del Pana, il Real Madrid. Ossia quella che oramai è diventata negli ultimi anni una autentica “bestia nera” per i campioni di Grecia. Ad Atene gli oltre diciannovemila biglietti in vendita per gara 3 sono andati polverizzati in poche ore. Il “popolo verde” crede nell’impresa, ma per volare sempre più in alto sarà necessario sbancare Madrid almeno una volta, cosa che quest’anno è riuscita soltanto a Cska e Zalgiris. Do you believe in miracles? Al Panathinaikos oramai lo fanno da fine febbraio.

Questa la presentazione di Alessio Teresi, uno dei massimi esperti di basket greco, il quale ringraziamo pubblicamente per questa preview che introduce il nostro approfondimento su questa interessante sfida.

Senza ombra di dubbio la serie più affascinante dei playoff. Si scontrano due squadre che contano la bellezza di 16 Euroleghe nel complesso. Da una parte i campioni in carica del Real Madrid, dall’altra i green del Panathinaikos. I blancos, insieme a Fenerbahce e CSKA, sono una delle maggiori candidate a vincere il trofeo, e faranno di tutto per ripetersi dopo la vittoria alle scorse Final Four di Belgrado. I greci invece negli ultimi anni arrivano costantemente in zona playoff, ma le tanto agognate Final Four mancano da ben 7 anni, e la vittoria dell’Eurolega dal 2011.

I precedenti tra le due squadre in questa stagione hanno visto uscire vincitrice sempre il Real Madrid. All’andata in Spagna la squadra di Laso ha vinto 89 a 68, mentre al ritorno in Grecia ci ha pensato Rudy Fernandez, con un’incredibile tripla allo scadere, a regalare la vittoria ai blancos, fissando il punteggio sul 74 a 73.

Le squadre

Due tra i roster più importanti dell’intera competizione. Il Real ha dalla sua una squadra più completa e lunga, che si basa molto sulla tecnica delle guardie e sulla fisicità dei lunghi. Il Pana può affidarsi al talento e alla leadership di Calathes, probabile MVP dell’Eurolega, e ad un miglior atletismo nel reparto ali. Interessante lo scontro in cabina di regia proprio tra il playmaker naturalizzato greco e Campazzo. Quest’ultimo sta disputando un’ottima stagione e dovrà cercare di non far sentire la mancanza in questa serie di un giocatore come Llull (a forte rischio anche una sua presenza alle eventuali Final Four). Il Pana invece dovrà fare a meno del suo miglior difensore, Pappas, dopo l’infortunio al ginocchio di fine gennaio. A rischio anche la presenza di Gist per le prime due gare a Madrid, dopo l’infortunio ricevuto nella gara contro Patrasso in campionato.

Giocatori chiave

PUNTI

Anthony Randolph

Nick Calathes

Grazie ai 12.9 punti di media a partita, Anthony Randolph è il miglior marcatore del Real. E’ sicuramente per tecnica, stazza fisica e mobilità, uno dei giocatori più pericolosi dei blancos. Nick Calathes è il miglior realizzatore dei green con i suoi 12.3 punti di media. E’ inoltre il giocatore più importante e decisivo per il Panathinaikos.

RIMBALZI

Walter Tavares

Nick Calathes

Walter Tavares è il miglior rimbalzista del Real (6.1 di media a partita). Il lungo di Capo Verde sfrutta al meglio i suoi 221 cm di altezza. Nella statistica dove ci si aspettava un lungo, comanda anche qui il play greco con una media di 4.5 carambole prese a partita.

ASSIST

Facundo Campazzo

Nick Calathes

Campazzo è il giocatore del Real Madrid con più visione del gioco. A testimoniarlo sono i 4.5 assist di media a partita che l’argentino smazza per i suoi compagni di squadra. Non c’è due senza tre verrebbe da dire. Sicuramente la statistica che sorprende di meno. Calathes fornisce ben 8.9 assist a partita, risultando il migliore dell’intera competizione.

Statistiche a confronto

Il Real Madrid è il terzo miglior attacco del torneo (85.9 punti), mentre il Panathinaikos risulta essere solamente ottavo (79.6 punti). Per quanto concerne i rimbalzi, i blancos comandano su tutti, grazie ad una media di 36.9 carambole prese a partita. I green anche in questa statistica sono ottavi, con una media di 33.9 rimbalzi. Anche negli assist il Real fa la voce grossa, primeggiando con ben 20 assist di media, mentre la squadra di coach Pitino scivola al dodicesimo posto (17.1). Molto simili le percentuali nel tiro dalla media (56.4% per il Real, 54.7% per il Pana). Nel tiro dalla lunga distanza invece il Real è più efficace (38%), a differenza dei greci (31.6%) che risultano essere una delle squadre peggiori in questa statistica.

Pronostico

Real Madrid 3-2 Panathinaikos

Probabilmente la serie più incerta ed equilibrata dei playoff. Il Real ha sicuramente qualcosa in più del Pana, che a sua volta però non vorrà lasciare vita facile agli spagnoli. L’assenza di Llull potrebbe pesare molto al Real Madrid, senza dimenticare però che i green (come scritto in precedenza) dovranno fare a meno sicuramente di Pappas, e forse di Gist per le prime due gare. La variante in questa serie può essere sicuramente l’effetto OAKA, che potrebbe spingere i greci fino alla “bella” a Madrid. Poi si sa che in una eventuale gara 5 può succedere di tutto, e anche i pronostici possono essere ribaltati.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *