La Virtus Roma vince all’overtime la sfida al vertice contro Bergamo

Sfida importante quella al Palazzo dello Sport di Roma: Roma e Bergamo, seconda contro prima. Partita che vale una stagione per entrambe le squadre: una vittoria della Virtus vorrebbe dire tornare primi a pari merito proprio con la squadra bergamasca. Una sconfitta vorrebbe dire, invece, un quasi addio alla promozione diretta in Serie A.

I Quarto, Virtus Roma – Azimut Bergamo 14-19

Alibegovic

Palla due conquistata da Roma ma primo minuto molto confuso per entrambe le squadre, grazie anche alla buona difesa di Sandri su Roderick. Chessa sblocca il risultato con un tiro dalla media, seguito con due liberi di Sandri, ma le triple di Taylor e Roderick portano gli ospiti sul 4-6. Moore e Sandri riportano in vantaggio la Virtus, ma Taylor nuovamente con una tripla porta sul 7-9 Bergamo. Partita spenta, con molti attacchi non andati a segno per entrambe le squadre, nonostante molti tiri siano stati ben costruiti. E’ Casella a 2.38 a sbloccare il punteggio con il canestro del 7-11, a cui rispondono immediatamente Landi e Moore con due triple. Roderick commette il suo terzo fallo mandando in lunetta Santiangeli che fa 1 su 2 ed è 13-14 per l’Azimut Bergamo. Il quarto si chiude con il gioco da tre punti di Sergio e la schiacciata all’ultimo secondo di Casalla per il 14-19.

II Quarto, Virtus Roma – Azimut Bergamo 36-32

Chessa

Seconda frazione che si apre con il canestro nel pitturato di Alibegovic e la tripla di Saccaggi che vale la parità a quota 19, arrivando fino al 21-19 con la schiacciata di Sims. Bergamo segna dopo 3 minuti con due liberi di Benvenuti, portano la partita sul 21-21. Partita molto fisica, molti contatti tra le due squadre, ma Santiangeli con la tripla porta Roma sul 25-21. Fattori con 8 punti consecutivi riconsegna il vantaggio a Bergamo sul 27-30. Santiangeli segna la tripla del -2, per poi arrivare al nuovo vantaggio romano grazie ad un’altra tripla di Landi (33-32). La frazione si chiude con l’ennesima trila di Landi, chiudendo il primo tempo sul 36-32.

III Quarto, Virtus Roma – Azimut Bergamo 53-48

Moore

Secondo tempo che rivede gli ospiti con di nuovo in campo Roderick che, con un assist, permette a Benvenuti di mettere i primi due punti del quarto. Roderick però spende subito il 4° fallo ed è costretto ad uscire. Santiangeli fa 1/2 e il punteggio segna 37-34. Partita nuovamente confusa, con vari errori di Moore e Sergio, ma seguono le triple di Landi e Taylor ad interrompere il digiuno di canestri. Moore finalmente si sblocca, tripla e Roma vola sul 44-37. Si sblocca pure Sims ed è 48-40, ma Taylor con la tripla e Roderick con un gioco da 3 punti, riportano gli ospiti a -2. Landi si fa perdore per la disattenzione precedente, e con la sua quarta tripla, da il 51-46 per la Virtus, seguito dalla schiacciata di Sims, il quale si becca pure un tecnico per un’alterco con Zucca. Il quarto si chiude con un jumper dalla media da parte di Sandri, ed è 53-48

IV Quarto, Virtus Roma – Azimut Bergamo 70-70

Sims

Ultima frazione che si apre con la tripla sbagliata da Baldasso, mentre dall’altra parte Sergio accorcia sul 55-50. Roderick con 3 tiri liberi segna il -2 per poi segnare la tripla e l’entrata che vale il 55-58 per gli ospiti. Momento della partita molto delicato, con entrambi gli ameircani di Roma a 4 falli. Landi sblocca nuovamente Roma con il canestro nel pitturato, seguito da una tripla e fallo di Moore che riporta Roma in vantaggio, 61-60. Moore che, successivamente, lascia la partita per 5 falli. Baldasso si prende le chiavi della regia romana, e con un canestro e fallo porta i padroni sul 63-62, per poi allungare sul +3 con i liberi di Sims, ma Sergio pareggia con un’altra tripla degli ospiti.. Taylor porta in vantaggio Bergamo con una tripla. Prima la tripla di Santiangeli e poi Benvenuti impattano sul 70-70 a 12 secondi dalla fine. Nessuna delle due squadre segna ed è overtime.

Tempo supplementare, Virtus Roma – Azimut Bergamo 82-78

E overtime sia! Dopo il canestro di Sims, Roderick saluta la partita dopo il 5° fallo. Benvenuti segna in schiacciata dopo una bellissima azione di pick and roll, da il 72-74 per Bergamo, ma Sims con un gioco da tre punti da il 75-74 Roma. Landi e Santiangeli allungano sul 82-76 a 1.30 alla fine. La partita finiesce 82-78, Roma recupera Bergamo e il discorso promozione è di nuovo aperto.

Tabellino

Virtus Roma: Spizzichino ne, Alibegovic 3, Lucarelli ne, Chessa 2, Moore 12, Sandri 5, Baldasso 4, Saccaggi 3, Landi 21, Sims 19, Matic ne, Santiangeli 13.

Azimut Bergamo: Augeri ne, Casella 7, Roderick 20, Taylor 21, Fattori 11, Zucca 0, Piccoli ne, Sergio 8, Benvenuti 11, Zugno 0.

Conferenza Stampa:

Coach Dell’Agnello: “Complimenti alla corazzata Roma, che è riuscita a mettere fuori il nostro milgior giocatore, dispiace per la sconfitta ma la partita è stata di alto livello. Taylor ha giocato bene nonostante troppe giocate da parte sua. Durante il precampionato non sapevamo cosa ci aspettava, ora non puntiamo sicuramente alla salvezza, viviamo pensando alla prossima partita e arrivando a fine campionato in una posizione che ci permetta di andare ai playoff. Dispiace non aver giocato tutto il tempo con Roderick e ciò ci ha penalizzato”

Marco Santiangeli: “Sono contento per la partita, dopo vari problemi, ho giocato bene nella partita più importante al momento. Meglio di così non poteva andare. E’ vero che rifiutiamo tiri, ma siamo una squadra lunga, abbiamo Sims e Moore che sono forti, quindi meglio un passaggio in più che un tiro in più. Nonostante la mia buona prestazione, non cambia niente, faremo sempre le stesse cose partita dopo partita. Le palle perse potranno essere evitate solo con un allenamento duro. Ora come ora forse per me è meglio partire dalla panchina, anche per recuperare dall’infortunio, ora sto bene ma devo recuperare la condizione fisica”.

Coach Bucchi: “Devo dire che Bergamo è una squadra solida e buona, sennò non sarebbero lì in alto. Partita complicata dal punto di vista emotivo, come quella di Latina. Oggi difensivamente bene anche se offensivamente abbiamo sbagliato tanti tiri aperti. Buona partita, fondamentale per la classifica. Sandri ha fatto due partite eccellenti (Latina e oggi nrd), ha un cuore grande come una casa, veramente bene nonostante abbia un problema al piede, più di così non potevo chiedere. Sono contento dell’atteggiamento della squadra. Stiamo meglio fisicamente, nonostante i vari piccoli infortuni di Sandri e Landi. Sims ha fatto molti buoni passaggi nonostante non fosse facile, ma ciò è grazie anche alla squadra. Lui è stato radoppiato sempre, ha fatto una buona partita, passando bene la palla. E’ stato difficile anche passargliela. All’andata siamo andati non pronti, inoltre loro non avendo la pressione, giocano con serenità, mentre a noi la palla pesa. E’ diverso tirare bene in allenamento e poi tirare in partita, è normale che sbaglino. Ma se si sbaglia si va avanti. E’ difficile avere quella serenità, si ha il peso della responsabilità.”

Giacomo Cotlar

Nato a Roma nel '92, consegue la laurea in "Scienze della Comunicazione" presso l'Università Roma Tre. Attualmente è frequentante del corso magistrale in "Comunicazione integrata per enti pubblici e non profit" a La Sapienza. Appassionato dello sport, in particolare del basket e hockey su ghiaccio. Precedentemente collaboratore per basketinside.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *