Serie A2, la Roma 2007 vince il derby contro il Vis Nova

Era per entrambe una partita da vincere. Il primo derby romano di serie A2 metteva in palio 3 punti preziosi per la classifica, per l’orgoglio e per il morale di entrambe le squadre. Nella splendida cornice del Foro Italico, la Roma 2007 Arvalia batte la Roma Vis Nova per 11-9, in una partita a tratti dominata dai padroni di casa. Mattatori dell’incontro i due ex più recenti: l’eterno Vittorioso con 3 gol e il giovane leone De Vena con un poker. Vince la Latina Pallanuoto.

Roma 2007-Roma Vis Nova: la cronaca

Pronti, via e la Roma 2007 spinge subito forte sull’acceleratore. Due volte Vittorioso, Navarra e Fiorillo mettono subito in chiaro le cose: 4-0, non sarà un pomeriggio facile per la Roma Vis Nova. Il super approccio dei ragazzi di Ciocchetti mette in grande difficoltà la squadra di Calcaterra. Protagonista anche Washburn, che para a Maras il rigore del possibile 2-1che avrebbe indirizzato la gara in maniera diversa.

Bisogna attendere più di dieci minuti di gioco per vedere il primo gol degli ospiti a firma di Gobbi, preceduto comunque dalla cinquina di Fiorillo. Qui comincia un’altalena del gol: il Vis Nova si avvicina fino al 6-4, ma pesa come un macigno il +3 siglato da Vittorioso a soli 2” dalla fine del secondo tempo. Nel terzo parziale, i giallorossi volano di nuovo sul +5, forti anche dell’espulsione per proteste di Parisi.

L’ultimo periodo di gioco si apre con la rete dell’11-7 di Faiella che chiude virtualmente la gara. Vince meritatamente la Roma 2007, più consapevole dei propri mezzi e abile a sfruttare molto bene le superiorità (60% di realizzazione). La Roma Vis Nova paga le assenze: tanti giovani in acqua, ma la qualità e l’esperienza di Murro e Ferraro è mancata eccome.

Dentro un derby fatto di amici

Roma, casa di uno dei derby calcistici più sentiti al mondo. Lazio-Roma è molto più di una partita. Pochissimi giocatori hanno vestito le maglie di entrambe le società. Evento raro nel passato, cosa impensabile al giorno d’oggi. Nella pallanuoto non funziona così: c’è una tale penuria di giocatori che in tanti nella propria carriera hanno vestito la calotta di squadre romane rivali fra loro. Ovviamente considerata una cosa normale da tutti.

Fa sorridere che ben nove giocatori su tredici della Roma 2007 abbiano un passato tra le fila dei Leoni. Anzi, dieci contando anche l’allenatore Cristiano Ciocchetti, che con il Vis Nova ha conquistato e perso nel giro di due anni la serie A1. Curioso il fatto che non valga il contrario: solo Rella e De Vena hanno compiuto il percorso inverso, passando dalla Roma 2007 al club di Marco Ferraro. Storica fucina di talenti del panorama pallanuotistico romano.

Va a finire, quindi, che si giocano derby tra squadre che dividono tanto: spazio acqua al Foro, allenamenti in palestra, uscite il sabato sera. Perché molto spesso dall’altra parte trovi un compagno di mille battaglie con cui sei diventato amico vero nella vita. Il centroboa che per quattro tempi sarà un tuo avversario, ma mai un tuo nemico. E questo non vuol dire che ci sia meno voglia di vincere: fino al ritorno sarà una lunga attesa. È la bellezza di uno sport minore come il nostro.

Latina Pallanuoto mantiene la vetta

La Latina Pallanuoto vince 12-6 contro i Muri Antichi Catania e mantiene la testa della classifica del girone Sud della serie A2. Pur orfani del coach Maurizio Mirarchi, out per un forte attacco febbrile, i neroazzurri hanno avuto la meglio dei siciliani. I Muri si sono ben comportati, rimanendo in partita fino al 7-6 di inizio quarto tempo. Poi il 5-0 del Settebello pontino, che non lascia spazio a repliche: la qualità alla lunga fa la differenza.

Sugli scudi come sempre Goreta con 3 reti, ma il bomber dell’incontro è Giacomo Gianni. Quattro gol e un’ottima prestazione difensiva per il marcatore romano, uno dei fuori categoria in forza alla Latina Pallanuoto. I 15 punti in cinque partite sono il biglietto da visita da presentare sabato 19 gennaio a Salerno al primo scontro diretto dell’anno. La Rari Nantes, a quota 12, è avversario ostico e inseguitrice più pericolosa dei pontini.

Andrea Esposito

Nato a Roma il 6 marzo 1994, si interessa di sport da quando è bambino. Dopo il diploma di liceo scientifico, nel luglio del 2017 consegue la laurea con 110 e lode alla facoltà di Scienze della Comunicazione a Roma Tre. Tutt'ora è studente di Informazione, Editoria e Giornalismo presso l'ateneo di Roma Tre. Il percorso di studi non ha intralciato la sua carriera agonistica: gioca a pallanuoto dal 2004 e, dopo aver militato nei maggiori campionati italiani, è oggi giocatore semiprofessionista e addetto stampa ufficiale della R.N. Frosinone e allenatore delle giovanili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *